A Star is Born – Recensione

A STAR IS BORN: L’ESORDIO ALLA REGIA DI BRADLEY COOPER

Una commedia musicale carina fatta passare per film dell’anno

a-star-is-born-filmexposure

Prendere un vecchio successo degli anni ’30, farne un remake con uno degli attori più amati dal pubblico giovanile, e far scrivere pezzi originali ad una delle icone più stravaganti del nuovo millennio: ecco il segreto di A Star is Born.
Viene veramente da domandarsi da dove derivi tutto questo clamoroso successo di critica e pubblico, che fa passare una normale commedia a film dell’anno.

A Star is born ha effettivamente un buon inizio, che vuole trasformare una storia classica ad un racconto dalle sfumature rock. C’è la classica rock star dannata, e l’aspirante cantante che si esibisce nei night club, il tutto accompagnato da un’estetica pop e musica di intrattenimento. Tuttavia la trama non offre nulla di originale e procede nella maniera più ovvia possible.

Ally (Lady Gaga) è la classica ragazza ingenua inconsapevole del suo talento, che incontra il suo principe azzurro – sotto veste di rock star – l’unico in grado di portarla fuori dalla sua mediocrità.
Ally è rappresentata come un personaggio perfetto, che non incontra troppi ostacoli nella sua ascesa al successo, dovuta esclusivamente al suo fidanzato famoso (dando un tocco misogino non indifferente alla trama). Perché in fin dei conti A Star is Born non è nient’altro che un racconto di ascesa di un personaggio cucito a pennello su Lady Gaga, che probabilmente rivive la sua età giovanile piena di sogni.

Quella di A Star is Born forse è una trama fin troppo ottimista che, sebbene le premesse iniziali, non mostra le vere difficoltà della scalata al successo. Il successo di Ally è dovuto da quello di Jackson che un po’ utopisticamente si innamora a prima vista di una cantante in un night club e inizia a frequentarla. Altrettanto utopisticamente Ally non riscontra mai difficoltà creative e le sue composizioni finiscono sempre per diventare hit di successo.

Quindi, dopo aver mostrato questo ovvio percorso narrativo che, seppur registicamente fresco è ricco di cliché, il film ha bisogno di creare un dramma forzato per colpire lo spettatore, e appesantire inutilmente il secondo tempo. Il film procede per scelte scontate che fastidiosamente vogliono commuovere, senza le premesse necessarie per farlo.

Anche le trame secondarie appaiono abbastanza inutili e scontate, come il rapporto fra Jack e il padre che si svolge attraverso cliché narrativi ormai troppo abusati nel cinema d’intrattenimento.

Fallendo miseramente in fase di scrittura, senza tuttavia cadere mai nel ridicolo, A Star is Born si salva presentando una regia fresca e fin troppo matura per un esordio. Bradley Cooper se la cava più dietro la cinepresa che davanti, e sbaglia nel secondo tempo decidendo di strappare la scena a Lady Gaga.

La vera sorpresa di A Star is Born è effettivamente una Lady Gaga al suo primo esordio nel grande schermo, fin troppo determinata per rappresentare una ragazza insicura. In particolare fa centro con la scrittura di pezzi originali che avranno probabilmente più successo del film stesso. A Star is Born sembra più una pellicola realizzata esclusivamente per mettere al centro dell’attenzione della critica la cantante italoamericana che, con una buona prova attoriale e degli ottimi pezzi, vola dritta verso gli Oscar.

La scelta di questo cast e lo sviluppo di una trama “facilona”, paiono delle scelte molto furbe per trasformare una commediuola da piccolo schermo a film dell’anno. Per lo spettatore medio che si lascia catturare dall’iconicità del film, queste scelte funzionano benissimo.

A Star is Born, lungi dall’essere un pessimo prodotto, andrebbe semplicemente considerato per quello che è: un buon film per essere un esordio, un prodotto mediocre se intenzionato a presentarsi come miglior film dell’anno.

a-star-is-born-filmexposure
55/100

Voto

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.